Quattro anni e mezzo di governo Concas.

Vogliamo provare a fare un bilancio?

L’immigrazione è aumentata, interi quartieri hanno cambiato completamente volto, i pochi italiani sono una piccola minoranza mentre etnie fra le più diverse non riescono a integrarsi tra di loro.

Abbiamo visto il Parco delle Cascine occupato impunemente da centinaia di rom senza che per anni qualcuno cercasse una soluzione. Il risultato è che oggi abbiamo un parco degradato, da cui i palazzinari hanno espulso l’agricoltura, le cascine storiche sono state rase al suolo, è sorto un campo nomadi autorizzato e ora si prospetta l’ennesima colata di cemento su una delle ultime aree verdi che ci è rimasta.

E proprio parlando del Parco, si è scoperto che la Provincia aveva stanziato a favore della nostra Città risorse finanziarie per progetti di riqualificazione, e che quelle risorse sono decadute perché l’amministrazione comunale non ha presentato un progetto decente. Non solo, non hanno neppure reso conto di come hanno speso i soldi ricevuti negli scorsi anni per il funzionamento del parco.

Al Satellite e a Seggiano sono state di fatto aperte due moschee abusive senza che l’amministrazione facesse qualcosa per impedirlo.

Anziché vedere crescere alberi, abbiamo visto e vedremo crescere nuovo cemento, con le pianificazioni scellerate su Limito, l’intervento sull’ex Rotolito, quelli su via D’Annunzio, ecc.

I cittadini si sono visti passare davanti gli stranieri nei servizi, nelle graduatorie degli asili nido, il Comune ha preferito persino dedicare un calendario agli stranieri,

anziché ai pioltellesi, e ignorando i problemi delle frazioni più vecchie.

I problemi sociali non sono diminuiti, Pioltello resta uno dei comuni con il più basso reddito pro capite della provincia, con un serio disagio familiare aggravato da una sconsiderata politica buonista dell’”accoglienza a tutti i costi”.

In compenso l’amministrazione ha iniziato da mesi una campagna elettorale fatta di inaugurazioni di opere pianificate anni prima del loro arrivo, serate danzanti.

Riteniamo che Pioltello si meriti di meglio, che non un’amministrazione comunale come quella attuale, senza idee, che non ha mai avuto in mente la Città dei prossimi anni, ma si è barcamenata, consumando il territorio per rimpinguare le casse dell’ente.

L’hanno prossimo si vota, e abbiamo un’occasione formidabile per mandare a casa questo sindaco e la sua squadra. Un’occasione per risolvere davvero i problemi e salvare quel poco verde che ci resta. Un’occasione per veder nascere una vera partecipazione dei cittadini al governo della Città, invece della partecipazione solo di facciata che ci ha offerto questa Giunta.

L’anno prossimo si deve voltare pagina.


Tratto da:

La Voce della Lega

Foglio informativo della Sezione di Pioltello della Lega Nord

Settembre 2010